domenica 23 giugno 2019

VIA DEI BOSSI

Cicerone fanciullo che legge (autore Vincenzo Foppa)
Fonte: wikipedia




Della serie “non si butta via niente”…

Ci troviamo in via dei Bossi (una traversa di via Broletto, zona Brera), al civico 4: qui anticamente avremmo trovato il Banco Mediceo, ossia la sede dove venivano amministrati gli affari dei Medici, signori di Firenze.

Fino alla metà del Quattrocento, Milano e Firenze erano due nemici storici. Solo con l’avvento di Francesco Sforza le due nobili famiglie crearono un'alleanza tale da regalare alla città lombarda, non solo il Banco Mediceo, ma anche un intero palazzo nobiliare deputato ad ospitare i Medici durante i loro soggiorni milanesi (attualmente in via Terraggio).
Il Palazzo di via dei Bossi serviva ad amministrare gli affari dei signori di Firenze (banchieri) e sorgeva nell'attuale contrada (strada), la quale si estendeva fino in piazza san Fedele.
Solo nel XVIII sec. si decise di stravolgere l’assetto di questa porzione cittadina, in seguito alla costruzione del teatro alla Scala.
Chi ne fece le spese fu anche il rinascimentale Banco Mediceo che venne quasi totalmente demolito.
L’edificio era la prima testimonianza del nuovo e rivoluzionario stile architettonico, quello rinascimentale, proveniente dal capoluogo toscano. Era al suo interno riccamente decorato da affreschi, ma l’unica testimonianza a noi sopravvissuta è un grazioso lacerto conservato al Wallace collection, museo londinese, raffigurante Cicerone fanciullo che legge (autore Vincenzo Foppa- vedi immagine iniziale). Altri reperti è possibile trovarli al museo del Castello Sforzesco: il portale d’ingresso e un medaglione.
Ad oggi dell’originale palazzo rimane solo parte dell’antico chiostro, mentre l’intero immobile è adibito ad uffici.

Attuale palazzo in via dei Bossi 4
Fonte:  http://www.lombardiabeniculturali.it


Eppure, prima del palazzo del Banco Mediceo, qui avremmo trovato, sotto il livello stradale, l’antico horreum, ossia il grande magazzino della romana Mediolanum, che aveva la funzione di stoccare le granaglie necessarie al soddisfacimento delle necessità dei cittadini ed in particolare dei soldati. L’attuale via Broletto infatti era la via che collegava il foro romano (sito in piazza san Sepolcro) con la porta Comacina, l’ingresso più importante e temuto dall'intero Impero dato che da qui potevano irrompere i nemici di Roma che stazionavano nel nord Europa. Dunque, nel IV sec. d.C. le zone a settentrione della città erano quelle maggiormente presidiate dall'esercito.
Ad oggi nei sotterranei del palazzo di via dei Bossi 4 è ancora possibile trovare ciò che rimane degli antichi magazzini, peccato che la visita degli stessi sia decisamente difficile.

Antico horreum
Fonte: http://milanoarcheologia.beniculturali.it


Ma qual è l'etimo della via? Il nome Bossi deriva dalla parola “bue”, in latino bos, che era lo stemma della grande contrada. Da qui il nome della nobile famiglia dei Bossi, nome assai diffuso in città e divenuto celebre anche a livello nazionale.

Di Massimop - http://www.armoriale.it/wiki/Categoria:Stemmi_civici_della_Lombardia, CC BY-SA 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=69174542


giovedì 10 gennaio 2019

LE CURIOSE TRADIZIONI DI MILANO parte 2

Santa Maria dei miracoli presso san Celso
Foto tratta da https://www.milanoguida.com


Può mai Milano, città millenaria, non avere tradizioni? Si è soliti pensare che una metropoli così moderna e all'avanguardia viva solo al presente, eppure, in quanto città storica non potrebbe non essere ricca di tradizioni. Ma appunto perchè proiettata verso il futuro, il capoluogo lombardo tende a dimenticare queste sue preziose testimonianza del passato. Sarebbe un grave errore farle cadere nell'oblio e dunque è anche questo il senso dell'attuale post. 
Le sue tradizioni non possono essere paragonate, a livello quantitativo, alle curiosità che Milano ci regala. Così mi è riuscito facile catalogarle mese per mese (vedi post precedente), con l'auspicio che il lettore vada subito a conoscere quelle legate al suo mese di nascita. Eppure chi non troverà niente sul proprio mese di nascita, mi auguro possa consolarsi con quelle valide per tutto l'anno (attuale post).
Molte tradizioni sono legate al passato (es quella un po' tribale di richiamare la pioggia spargendo acqua sacra sul sagrato della chiesa di san Calimero), ma altre sono sopravvissute fino ai giorni nostri e vale sicuramente la pena perpetrarle per non dimenticare mai le nostre radici. Un albero senza radici poco può lottare contro il vento...
Dunque buona lettura e buona conoscenza della città!


GALLERIA VITTORIO EMANUELE II.  MOSAICO DEL TORO

Foto di Francesco Mezzotera
C'era in p.za Duomo, il 30 dicembre 1877, un clima decisamente euforico: il giorno dopo infatti si sarebbe finalmente inaugurata la galleria! Eppure quel giorno fu funestato da un evento drammatico: dalle impalcature nei pressi dell'attuale Camparino precipitò l'autore di questa nuova meraviglia milanese: l'architetto Giuseppe Mengoni. 
In quel periodo si iniziò a sussurrare che quello di Mengoni non fosse stato un incidente, ma un suicidio dovuto alla feroci critiche che quest'opera aveva subito. Al posto della Galleria infatti c'era un quartiere di abitazioni popolari, caratterizzato da diverse chiese e strette viuzze buie che, una volta percorse fino in fondo, conducevano alla luminosa piazza Duomo, creando così un suggestivo effetto scenico.
La Milano di fine '800 era sicuramente diversa dalla città che conosciamo noi oggi; si contavano infatti circa 300.000 abitanti (rispetto agli attuali 1.300.000) e le notizie viaggiavano molto sul passaparola; fu così che iniziò a circolare la voce che passare sotto la Galleria portasse sfortuna (visto quello che era successo al suo architetto) e la galleria rimase per qualche tempo vuota. La municipalità milanese non poteva permettersi questa situazione dopo tutte le traversie vissute per la sua creazione; fu così che venne rispolverata la vecchia tradizione celtica di toccare gli attributi di un toro quale rito portafortuna (in realtà toccare con la mano o un piede i testicoli di un toro era, per le donne celtiche, un rituale di fertilità) rituale che spinse i milanesi a recarsi in Galleria e apprezzare quest'opera. Ecco perchè anche oggi permane la tradizione di calpestare questa particolare parte del toro, simbolo di Torino prima capitale d'Italia.


PARCO SEMPIONE. PONTE DELLE SIRENETTE

foto tratta da https://www.milanoplatinum.com
E' il parco Sempione il vero "polmone verde" del centro storico di Milano, e proprio qui non può passare inosservato il "ponte delle Sirenette".
Fu collocato in questo preciso punto del parco nel 1930, in seguito alla copertura della cerchia dei navigli, più precisamente in via san Damiano. Qui si guadagnò l'appellativo di "ponte delle sorelle Ghisini" dato che le quattro statue di sirene che ancora oggi lo adornano erano fatte di ghisa, allora materiale insolito per i ponti.
Sirene oggetto di un rito scaramantico da parte dei giovani che attraversavano il ponte sui navigli: per aver maggior fortuna nella vita toccavano i seni delle sirene ogni volta che vi transitavano vicino.


DUOMO. POLPACCIO DEL FLAGELLATORE, PORTALE CENTRALE.

Da una osservazione veloce del portale centrale non sfugge il particolare del polpaccio, poichè di un colore diverso rispetto al resto dell'ingresso. E' questo dettaglio infatti perennemente pulito (e dunque non ricoperto dalla patina verdastra che naturalmente si forma sul bronzo) a causa dei turisti che continuano a toccarlo, nella speranza di avere fortuna. Pare che questa tradizione abbia avuto inizio negli anni settanta dello scorso secolo: gli studenti della statale infatti, come forma scaramantica, presero a toccare il polpaccio del flagellatore prima di recarsi all'università per sostenere gli esami. Ad oggi la tradizione continua e viene perpetrata soprattutto dai turisti che, ignari di tutto, sorridono agli obiettivi delle macchine fotografiche.

Foto di Francesco Mezzotera


DUOMO. MADONNA DEGLI SCIORI E DEI POVERITT


Madonna dei poveritt
Foto tratta da http://ilmirino.it

Madonna degli sciori. Foto di Francesco Mezzotera

                                                                                        














                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                            All'angolo tra il transetto e l'abside possiamo ammirare un quadro molto rovinato che ritrae un Madonna che allatta. Più conosciuto come Madonna dell'Aiuto, fino a qualche tempo fa veniva anche chiamata la “Madonna dei sciori” (Madonna dei ricchi) in contrapposizione ad un altro quadro chiamato “Madonna delle rose” soprannominato la “Madonna dei poveritt”. Quest'ultimo quadro è posizionato dal lato opposto rispetto alla “Madonna del latte” ed ha una storia molto particolare: nel 1409 Milano era in guerra e sotto assedio dei soldati guelfi. I milanesi, sugli spalti del Duomo, una volta finite le munizioni, avevano iniziato a depredare le pietre che servivano per la costruzione del Duomo, per farne proiettili da sparare con i loro cannoni. Una mattina di quell’anno, ai piedi della Madonna delle Rose, c’era una donna. Aveva appena portato a Maria una corona di rose fresche. Era lì per pregare e chiedere perdono per il figlio, anche lui sugli spalti e anche lui reo di compiere un sacrilegio, una offesa alla Cattedrale.
Qualche giorno dopo la donna era di nuovo in ginocchio davanti all’immagine sacra, ma questa volta per chiedere la grazia: il figlio era stato ferito a morte ed ora era agonizzante nel suo letto… Eppure, mentre pregava, avvenne qualcosa di strano: le rose, che nel frattempo si erano appassite, tornarono ad essere fresche, colorate e profumate come il primo giorno. La donna corse subito a casa e si accorse del miracolo: il figlio era perfettamente guarito!
Ad oggi la “Madonna delle Rose” è sconosciuta ai più, mentre invece la Madonna del Latte, che aveva il compito di esaudire le preghiere dei ricchi, è molto venerata da tutti (senza distinzione di redditi!), anche perchè si è provveduti a fare una copia attualmente posizionata sulla parete della navata sinistra, accanto ad un altro oggetto molto venerato dai fedeli: la croce di san Carlo Borromeo. Croce usata durante  una delle numerose pesti che flagellarono la città tra il XVI e XVII sec e che servì a farla cessare.

CHIESA DI SAN GOTTARDO IN CORTE. MESSA DEGLI ARTISTI

Foto tratta da https://www.verona-in.it
Correva l'anno 1952 quando il vulcanico parroco di san Gottardo in corte decise di istituire nella sua piccola chiesa nei pressi del Duomo "la messa degli artisti". Ogni domenica mattina infatti artisti del calibro di Luciano Pavarotti, Mariangela Melato, Macario ecc. animavano la celebrazione con letture, canti...davvero notevoli. Ma si sa che "anche le cose belle prima o poi finiscono" e infatti questa pregevole iniziativa terminò 40 anni dopo, nel 1992.

CHIESA DI SAN GIOVANNI IN CONCA


Foto tratta da http://www.100kmdamilano.it
San Giovanni in conca era una chiesa (ciò che ne rimane è visitabile in piazza Missori) probabilmente costruita all'interno di una conca naturale del terreno. Eppure la fantasia popolare sosteneva che il nome era da attribuire ad un episodio di vita del santo Apostolo. Si racconta infatti che San Giovanni fu martirizzato (o almeno provarono a farlo) gettandolo dentro un pentolone di olio bollente. Fu in quel momento che il cielo si oscurò e iniziò a piovere tanto da raffreddare l'olio e salvare il futuro martire. Per questa ragione a Milano anticamente si usava friggere cibi vari sul sagrato della chiesa che poi venivano allegramente distribuiti a tutti. La speranza era quella di attirare le piogge e combattere quei lunghi periodi di siccità così letali soprattutto per tutti.


CHIESA DI SANTA MARIA SEGRETA

Foto tratta da http://www.santamariasegreta.it
La siccità è sempre stato ciò che di peggio possa capitare per una società che fonda la propria fortuna soprattutto sull'agricoltura. Ecco perchè sono sempre stati abbondanti i rituali per attirare le piogge (finora abbiamo visto quella legato a san Calimero e quello praticato sul sagrato di san Giovanni in conca). 
Attorno all'undicesimo secolo nacque l'abitudine di pregare ardentemente due angeli allora presenti nella chiesa di santa Maria segreta (chiesa attualmente in via Ariosto, ma precedentemente in zona Cordusio). Erano angeli davvero particolari: sfoggiavano infatti una capigliatura bionda e fluente, tanto da avere un parrucchiere solo per loro. Eppure erano identici e questo non facilitava il lavoro del sacrestano che aveva il compito di esporre quello da invocare in caso di eccessiva pioggia o quello invece in caso di siccità. Ma per assistere al miracolo bastava armarsi di pazienza: il sacrestano infatti continuava a cambiare la statua sull'altare finché la pioggia non arrivava!


CHIESA DI SANTA MARIA DEI MIRACOLI PRESSO SAN CELSO. AFFRESCO MADONNA CON BAMBINO

Foto tratta da www.dominocittà.wordpress.com
La storia milanese del XV, XVI, XVII sec. è stata caratterizzata da frequenti epidemie di pesti.
Il seguente episodio è proprio ambientato durante una di queste pestilenze: la notte del 30 dicembre 1485.
La cornice è decisamente affascinante: la chiesa manierista di s. Maria dei miracoli presso san Celso, chiesa purtroppo poco conosciuta e che invece necessita di esserlo, soprattutto per la sua storia.
Dove oggi troviamo il santuario, nel IV sec. d.C. avremmo trovato boschi e zone coltivate, spesso utilizzate segretamente per seppellire i martiri cristiani. Fu proprio qui, dove oggi vediamo la piccola chiesa neo-romanica di san Celso, che sant'Ambrogio trovò le reliquie di san Nazaro e Celso. I resti del primo martire vennero traslate nell'odierna chiesa di san Nazaro in corso di Porta Romana, mentre le reliquie del secondo santo furono conservate nell'attuale chiesetta edificata appunto per volere del patrono di Milano. Accanto alla chiesetta fu edificato un edificio religioso ancora più piccolo che serviva semplicemente per custodire l'immagine sacra di una Madonna con bambino (la Madonna di sant'Ambrogio).
Nella notte del 30 dicembre 1485 i milanesi si trovavano stipati in questa chiesetta per chiedere la grazia alla Madonna affinchè la peste cessasse. Improvvisamente, durante la preghiera, Maria scostò il velo che in quel periodo si usava mettere a copertura delle immagini sacre, sporse il Bambino che aveva in grembo verso i presenti, guardò negli occhi ad uno ad uno i fedeli, quindi tirò a se' Gesù e rimise al suo posto il velo. Da quel momento la peste iniziò gradualmente a scomparire da Milano e la gente a gridare al miracolo. I milanesi accorsero in massa a pregare la Madonna di sant'Ambrogio e dunque la piccola chiesa non era più in grado di ospitarli tutti. Fu così che, con i lasciti dei fedeli, fu costruita santa Maria dei Miracoli (a ricordo dell'episodio) nello stile imperante in quel periodo, cioè quello Manierista.
Eppure la chiesa è famosa (e, a mio avviso, dovrebbe esserlo ancora di più) per un'antica tradizione.
Qui infatti c'era (e ancora oggi sopravvive, anche se poco conosciuta) la consuetudine di portare il bouquet di fiori alla Madonna da parte delle spose. Questa tradizione molto antica risale ai tempi dei romani quando le spose, oltre ai fiori, offrivano un obolo in denaro al Dio Imene. Dio pagano sostituito con l'immagine sacra della Madonna di sant'Ambrogio. Ad oggi infatti è possibile trovare qualche mazzo di fiori ai piedi della statua mariana situata sopra l'antico affresco.



CHIESA DI SAN FRANCESCO AL FOPPONINO. MADONNA DEL PARTO

Foto di Wilma Viganò

La chiesa, consacrata nel 1964, ospita al proprio interno un lacerto d'affresco molto antico (di autore e data sconosciuti) che un po' stride con il contesto moderno in cui è ospitato.
Rappresenta una Madonna incinta ed è un quadro molto venerato dai parrocchiani e dai milanesi in generale.
Pare sia stato realizzato come ringraziamento per una maternità avvenuta; ad oggi è veneratissima da tutte le donne che desiderano un figlio e il numero di candele che la circondano dimostrano che sono proprio tante.


BASILICA DI SANT'AMBROGIO. CATTEDRA DI SANT'AMBROGIO

      Foto tratta da  http://www.arte.it
Sul presbiterio della chiesa possiamo trovare un elemento architettonico davvero interessante: la cattedra di sant'Ambrogio (IX sec.). E' questo il seggio del sacerdote celebrante e, secondo la tradizione, veniva utilizzata dalle donne partorienti per scongiurare un parto doloroso.


BASILICA DI SANT'AMBROGIO. COLONNA DEL SERPENTE

Foto di Francesco Mezzotera
A sinistra della navata centrale della basilica, all'altezza del terzo pilastro, c'è una colonna con in cima un serpente di bronzo.
Si narra sia giunto a Milano da Bisanzio attorno all'anno 1000, quale dono di nozze. Eppure una credenza popolare vuole che sia stata forgiato da Mosè durante la traversata del deserto. Il serpente prenderà vita il giorno della fine del mondo; sibilando, scenderà dalla colonna per far ritorno alla Terra Santa.
Inoltre era usanza delle mamme milanesi portare i propri figli infestati dal verme solitario, presso questa colonna; si credeva infatti che toccandola, si sarebbe guariti dalla malattia. Il povero serpente venne confuso con un anonimo verme solitario!


BASILICA DI SANT'EUSTORGIO


Foto tratta da http://www.residencedesenzano.it
Tradizione vuole che i nuovi vescovi entrino in città da porta Ticinese; dalla basilica di sant'Eustorgio infatti parte poi il corteo del cardinale (una volta compiuto sul dorso di un asino bianco) fino al Duomo. Questo ingresso è legato al fatto che esattamente dove oggi troviamo la basilica, san Barnaba apostolo, nel 51 d.C., somministrò i primi battesimi. Esiste tuttora il fonte battesimale (in piazza sant'Eustorgio, 8) che si suppone fosse stato usato dall'apostolo per celebrare le prime funzioni.

martedì 8 gennaio 2019

LE CURIOSE TRADIZIONI DI MILANO parte1

Santa Maria presso san Satiro
Foto tratta da www.gibart.it

Può mai Milano, città millenaria, non avere tradizioni? Si è soliti pensare che una metropoli così moderna e all'avanguardia viva solo al presente, eppure, in quanto città storica non potrebbe non essere ricca di tradizioni. Ma appunto perchè proiettata verso il futuro, il capoluogo lombardo tende a dimenticare queste sue preziose testimonianza del passato. Sarebbe un grave errore farle cadere nell'oblio e dunque è anche questo il senso dell'attuale post. 
Le sue tradizioni non possono essere paragonate, a livello quantitativo, alle curiosità che Milano ci regala. Così mi è riuscito facile catalogarle mese per mese, con l'auspicio che il lettore vada subito a conoscere quelle legate al suo mese di nascita. Eppure chi non troverà niente sul proprio mese di nascita, mi auguro possa consolarsi con quelle valide per tutto l'anno (vedi post successivo).
Molte tradizioni sono legate al passato (es. quella un po' tribale di richiamare la pioggia spargendo acqua sacra sul sagrato della chiesa di san Calimero), ma altre sono sopravvissute fino ai giorni nostri e vale sicuramente la pena perpetrarle per non dimenticare mai le nostre radici. Un albero senza radici poco può lottare contro il vento...
Dunque buona lettura e buona conoscenza della città!


6 Gennaio: CORTEO DEI RE MAGI


Foto tratta da http://www.eventiatmilano.it

La chiesa di s. Eustorgio si presenta al visitatore con il suo fascino antico e armonioso. Eppure se per un attimo concentriamo la nostra attenzione sul campanile, noteremo che brilla di originalità: al posto della consueta croce si trova una stella simile a quella che condusse i re Magi alla umile dimora di Gesù bambino.
La stella è stata posizionata qui per guidare novelli re magi: i pellegrini che anticamente si recavano in città per adorare le spoglie di Gaspare, Melchiorre e Baldassarre. Qui infatti, in fondo alla navata destra sono conservate le loro spoglie, o meglio, ciò che ne rimane. Nel XII sec. infatti Federico Barbarossa si impossessò delle preziose reliquie per portarle a Colonia. Oggi non ci rimane che qualche frammento d'ossa che la città tedesca ha pietosamente regalato a Milano.
Eppure, a ricordo dei preziosi ospiti della basilica, ancora oggi si svolge, il giorno dell'Epifania, un corteo molto colorato che parte da piazza Duomo per arrivare a s.Eustorgio (la tradizione risale al XIV sec.). Sfilano alla testa del corteo tre figuranti che impersonano i re Magi. Al loro seguito una serie di personaggi curiosi ed insoliti: pastorelli (con agnellini in grembo), soldati romani, Erode, nobil donne medioevali... i Magi giungono davanti alla capanna del bambin Gesù posizionata sul sagrato della chiesa e ai suoi piedi lasciano i famosi doni. E' questa l'occasione, per il vescovo di Milano, di fare un bilancio dell'anno appena concluso con un'accorata orazione.


29 Gennaio: FESTA DI SAN AQUILINO IN SAN LORENZO


Foto tratta da http://www.hotelfiorellamilano.it

S. Aquilino era un sacerdote tedesco vissuto e assassinato a Milano nel XI sec per mano degli eretici che egli stesso combatteva. Il suo cadavere venne abbandonato in un fosso e poi ritrovato dai facchini del tempo i quali decisero di trasportare le spoglie in santa Maria Maggiore. Eppure, complice la fitta nebbia di fine gennaio, si persero e si ritrovarono davanti alla basilica di san Lorenzo. Qui deposero le sacre reliquie nella cappella della Regina (oggi intitolata al santo) e diedero il via all'antica tradizione (ormai non più portata avanti) di portare in dono ogni 29 gennaio una damigiana con 50 litri di olio che dovevano servire per alimentare la lampada davanti all'urna. In cambio i facchini ricevevano un cartoccio con pane e formaggio che, per quei tempi, era di sicuro un ricco dono.


2 Febbraio: RITO DELLA CANDELORA


Foto tratta da http://www.comunitasantiapostoli.it
Il Duomo detiene il primato di maggior numero di visitatori ma, oltre a questo record, può vantare anche il fatto di essere culla di diversi riti e tradizioni.
Quella più conosciuta forse è la processione della Candelora che si svolge ogni anno il 2 febbraio e parte dal transetto nord dove si trova l'altare della Madonna dell'Albero. In questa occasione infatti si benedicono le candele usate poi durante la celebrazione che termina presso l'altare maggiore, dove viene esposta la tavola (conosciuta anche con il nome di Idea) del 1317 che ritrae la presentazione di Gesù al Tempio.



13 Marzo: TREDESIN DE MARZ


Foto tratta da http://www.tviweb.it
Era il 51 d.C., più esattamente il 13 marzo del 51 d.C., quando san Barnaba Apostolo giungeva a Milano per evangelizzare i suoi abitanti. La leggenda narra che il santo si fermò in via Marina, nei pressi della porta Orientale, soppesando il da farsi, dal momento in cui veniva chiesto a chiunque entrasse in città un tributo agli Dei pagani. In quel momento decise di formare una croce e per farlo prese due rami; la parte verticale la conficcò in una pietra lì presente. La pietra sembrava burro in quel momento, tanto che san Barnaba incise con  le dita alla sua base tredici segni a raggiera attorno al legno della croce. Questo incredibile avvenimento attirò subito tante persone, le quali rimasero colpite dal gesto e dalle parole pronunciate dall'apostolo. Quando il santo si apprestò a varcare la porta, per miracolo le statue degli Dei si sbriciolarono, la neve allora presente si sciolse e apparvero i primi fiori, preludio di primavera. 
Fu questo l'inizio dell'evangelizzazione di Mediolanum.
Con l'avvento del cristianesimo, sant'Ambrogio decise di custodire la preziosa pietra con i tredici segni nella basilica di san Dionigi che si trovava nell'attuale parco di porta Venezia.
Con l'abbattimento della basilica, nel XVIII sec., la pietra venne trasferita nella chiesa di santa Maria al Paradiso, in corso di porta Vigentina.
E' per questa ragione che nel fine settimana successivo al 13 marzo, nei paraggi di santa Maria al Paradiso, ossia in via Crema e dintorni, possiamo godere di una colorata fiera con, in prevalenza, bancarelle di fiori primaverili. E' la famosa fiera del "tredesin de marz" durante la quale anticamente si solea tagliare i capelli ai bambini perchè si diceva che così sarebbero ricresciuti più forti.
A proposito: è stato dimostrato che san Barnaba non arrivò mai a Milano (morì martirizzato a Cipro) e la pietra altro non era che un oggetto religioso venerato dagli Insubri!


Pietra in s.ta Maria al Paradiso (foto tratta da www.monitoremilanese.com)


25 Marzo SANTA MARIA PRESSO SAN SATIRO


Foto di Raffaele Falcone
La piccola chiesa che si cela agli occhi dei passanti più frettolosi in via Torino è senz'altro una delle ragioni che rendono Milano meritevole di una visita.
La struttura rinascimentale infatti ospita un capolavoro architettonico di Bramante: l'abside con la sua incredibile prospettiva. Se si entra in chiesa infatti la parte terminale della chiesa dietro l'altare maggiore può non saltare subito all'occhio, ma  da distanza ravvicinata ci si accorge subito che siamo di fronte ad una finta abside. Lo spazio a disposizione del Bramante era infatti di soli 97 cm  e con questo risicato spazio il genio rinascimentale riuscì a dipingere una prospettiva tale da far sembrare l'abside profonda ben svariati metri!
La storia della chiesa poi è davvero originale: nel XIII sec. infatti qui avremmo trovato solo una cappella dedicata a san Satiro (fratello di sant'Ambrogio), attualmente collegata al transetto sinistro. Il 25 marzo del 1242 tale Massanzio da Vigonzone, furibondo per le ingenti perdite al gioco d'azzardo, pugnalò l'immagine della Madonna con bambino allora situata all'esterno della cappella. L'affresco miracolosamente cominciò a sanguinare e subito si cominciò ad urlare al miracolo che attirò tanti fedeli.
Come conseguenza di questo evento eccezionale Massanzio si fece frate (fino ad essere eletto Beato alla sua morte) e le offerte economiche dei pellegrini permisero di costruire l'attuale chiesa di santa Maria di miracoli.
A ricordo di questo evento miracoloso oggi possiamo vedere l'affresco sfregiato sopra l'altare maggiore, ancora più in alto un altro affresco raffigurante l'episodio, ma soprattutto ogni 25 marzo (per tre giorni) è possibile recarsi in chiesa per ammirare sull'altare il pugnale protagonista dello sfregio.


Aprile   SAN MAURIZIO AL MONASTERO MAGGIORE


Aula delle monache
Foto di Francesco Mezzotera
Nel mese di aprile spesso, si sa, si celebrano i riti pasquali e un rito davvero curioso ed originale si svolgeva nell'aula delle monache della chiesa di san Maurizio al monastero maggiore. In questa parte della chiesa infatti si eleva anche oggi in tutto il suo splendore il coro ligneo.
Su questi stalli, per tutto il XIX sec., ogni Giovedì Santo, si procedeva alla pia tradizione della lavanda dei piedi: dame e gentiluomini dell'aristocrazia milanese si inginocchiavano per lavare i piedi di 24 "vecchioni" e "vecchine" del Pio Albergo Trivulzio. Alla fine della lavanda gli aristocratici elargivano doni e cibi agli anziani, per poi recarsi in carrozza nella chiesa di s. Fedele, per la messa degli "sciori" (la messa dei signori).



Ultima domenica di aprile  ANDARE A BATTERE LA TESTA A SANT'EUSTORGIO


foto di Vito Scifo, tratta da http://aess.regione.lombardia.it
Sul sagrato della basilica di sant'Eustorgio è possibile ammirare la statua di san Pietro martire, le cui spoglie sono conservate all'interno della graziosa cappella Portinari in sant'Eustorgio stesso.
Il santo fu martirizzato nel 1252 con un colpo di accetta in testa e da allora ci si rivolge a lui per guarire dal fastidioso mal di testa.
Il secolo successivo infatti l'arcivescovo Matteo Visconti commissionò una imponente arca a Giovanni di Balduccio da Pisa con la funzione di conservare le spoglie del frate veronese. Tuttavia fece staccare la testa e la conservò presso di se'. Da allora cominciarono al porporato dei fortissimi mal di testa che Matteo interpretò come un segnale del santo: quest'ultimo infatti non gradiva vedere le proprie spoglie smembrate, dato che i mal di testa cessarono nell'istante esatto in cui la testa fu riadagiata insieme al resto delle spoglie.
Eppure il volere di san Pietro non è attualmente rispettato dal momento in cui la testa si trova all'interno di una piccola stanza della cappella Portinari, mentre il resto della salme si trova nell'arca. 
La tradizione vuole che l'ultima domenica di aprile sia dedicata all'antica tradizione dell'andare "a battere la testa a sant'Eustorgio". In questa giornata infatti è possibile curare e prevenire i mal di testa passando sotto l'arca e tirando un piccolo colpo con la testa al sarcofago; inoltre viene esposta la testa del santo (miracolosamente ancora intatta, con i propri capelli) in un'urna di cristallo. E' possibile in questa occasione strofinare un oggetto personale contro questa teca e conservare l'oggetto stesso al fine di prevenire futuri mal di testa.


Maggio 1980  FESTA DEL GIGLIO


Foto di Vito Scifo, tratta da http://www.lombardiabeniculturali.it
E' questa una festa molto antica (V sec. d.C.), durante la quale vengono ricordate le gesta di san Paolino, vescovo di Nola (NA), il quale venne festeggiato dai suoi compaesani con feste, balli e un obelisco di legno ornato da gigli. Il santo infatti fu detenuto da Alarico (re di Goti) e al suo ritorno a Nola avvennero grandi festeggiamenti. Festeggiamenti che vennero estesi anche al Giambellino, zona di Milano storicamente abitata da immigrati meridionali, i quali nelle domeniche di maggio (la prima fu nel 1980) avevano l'abitudine di ballare e festeggiare tutti attorno all'obelisco di legno alto 25 metri e portato a spalla da 150 uomini per tutte le vie del quartiere.

31 luglio  BASILICA DI SAN CALIMERO


Foto tratta da https://passipermilano.com
Questa antica chiesa milanese si affaccia su piazza cardinal Ferrari, nei pressi di via Molino delle Armi. 
Si suppone che prima di essa qui sorgesse un tempio romano dedicato ad Apollo. Quello che è certo è che sin dalla sua fondazione nella cripta sono state conservate le ossa del santo titolare della graziosa struttura religiosa. Nell' VIII sec. si trovò la cripta completamente allagata e, per questa ragione, si decise di costruire il pozzo attualmente presente per permettere alle acque di defluire. Poco dopo nacque la leggenda che vedeva san Calimero martire e gettato nel pozzo della cripta. Per questa ragione ogni 31 luglio (festa di san Calimero) c'era la tradizione di far bere un sorso d'acqua agli ammalati affinchè guarissero. Inoltre, durante i periodi di siccità, il sacerdote era solito, durante le funzioni religiose, benedire un po' d'acqua del pozzo e versarla sul sagrato della chiesa come rito propiziatorio per attirare la pioggia.


14 settembre  DUOMO, TRIDUO DEL SANTO CHIODO


Foto tratta da https://www.duomomilano.it
Settembre è sicuramente il mese del Duomo; oltre a festeggiare il suo onomastico (il giorno 8, santa Maria nascenti. La cattedrale è infatti dedicata a questa festività), vi si celebrano in questi 30 giorni ben due riti. Il primo dura addirittura tre dì: il Triduo del santo Chiodo.
Durante la visita alla cattedrale milanese, una volta entrati, se proviamo ad alzare gli occhi, noteremo una lanterna rossa splendere sul soffitto dell'abside. Segna la presenza di uno dei Chiodi di Gesù. La leggenda narra infatti che fu S. Elena, madre dell’imperatore Costantino, a trovare in Terra santa i tre chiodi. Uno fu utilizzato dal figlio come morso per il suo cavallo ed infine, qualche decennio dopo, l’imperatore Teodosio ne fece dono al vescovo di Milano, Ambrogio. In occasione del giorno dell'esaltazione della Santissima Croce (14 settembre) si celebra il triduo della Croce: il sabato del  fine settimana dopo tale data un ascensore a forma di nuvola (chiamato “nivola”; pare che anche Leonardo contribuì alla sua progettazione) si eleva fino a quel punto dove l'arcivescovo preleva il Santo Chiodo; la domenica viene celebrata una messa e fatta una processione all'interno del Duomo, nonché esposto il Chiodo sull'altare maggiore; mentre il lunedì viene riposta la reliquia sempre con la nivola.


23 settembre DUOMO, RITO DEL FARO


Foto tratta da https://it.churchpop.com

E' questo un rito molto antico (forse nato attorno al VII sec. d.C.) con significati ancora oggi non del tutto chiari. Si suppone che voglia rappresentare il martirio di santa Tecla (santa patrona della parrocchia del Duomo).
All'inizio della celebrazione si svolge una breve processione terminante davanti al presbiterio. Qui il sacerdote, con un'asta sormontata da candeline, incendia una palla di bambagia sospesa per aria. Sopra tale sfera è riposta una croce con, alla base, delle palme rappresentanti santa Tecla martire.


Primo lunedì di ottobre  FESTA DELLA MATRICOLA

Chiesa di santa Francesca romana, zona porta Venezia.
Nell'ex convento di questo edificio religioso avremmo trovato nei primi del '900 la facoltà di veterinaria
Foto tratta da http://www.santafrancescaromana.it
Nei primi anni del '900 c'era la goliardica abitudine, da parte delle matricole del corso di studi di veterinaria, in occasione dell'inaugurazione dell'anno accademico, di condurre una mucca che indossava un paio di mutande da donna. Questo avveniva in corteo da p.ta Venezia (quartiere che ospitava l'antica sede della facoltà) al Duomo, tra ali di folla sorpresa e divertita. 


7 dicembre  FIERA DEGLI OH BEJ! OH BEJ!



Foto tratta da http://www.sagreneiborghi.it
Prezioso è questo mese per la città di Milano perchè il 7 (fino alla domenica successiva) si festeggia sant'Ambrogio, occasione per godere della fiera degli oh bej oh bej.
Questa popolare manifestazione è decisamente molto antica: si pensa infatti che sia nata nel 1510, quando un messo papale, tale Giannetto Castiglione, entrò a Milano per riaccendere nei milanesi il culto un po' sopito dei santi.
Eppure, visto che all'epoca il papa non era ben visto dai meneghini, Giannetto pensò di fare un regalo ai milanesi che erano in quei giorni impegnati a festeggiare il proprio santo: decise di regalare alla popolazione tanti doni (cibarie e giochi)...
Deliziosi erano i commenti dei bambini:"oh bej! Oh bej! (Oh belli! Oh belli!).


Dicembre  CASTELLO SFORZESCO, CERIMONIA DELLO ZOCHO


Foto di Francesco Mezzotera
Qui si celebrava ogni Natale la cerimonia dello "zocho", ossia del ceppo che, ornato di fronde, veniva collocato sul camino con grande accompagnamento di trombe e imbandigioni.
E' questo un rito molto antico: la tradizione voleva infatti che il capofamiglia, la vigilia di Natale, ponesse un ceppo di legno di gelso nel camino con sopra incisa una croce. Il fuoco che ne scaturiva veniva considerato sacro, alla luce delle parole della Bibbia: "dal ceppo nascerà un virgulto", ossia Gesù.
Quindi doveva prendere un bicchiere di vino, berlo e passarlo agli altri componenti della famiglia; lo stesso doveva farlo con il pane. Infine doveva gettare una moneta nel fuoco e le altre distribuirle ai figli.
Solo dopo l'Angelus era possibile accomodarsi a tavola per cenare, rigorosamente di magro.
Il giorno dopo le ceneri del ceppo venivano sparse in campagna come augurio di un buon raccolto.

sabato 8 settembre 2018

STORIA CURIOSA DELLA CITTA' DI MILANO

Foto tratta da https://arttrip.it



In questo post tratterò delle curiosità più insolite e sconosciute, quelle legate ai monumenti della città per i quali i turisti non pagano un biglietto per recarvisi.
Dunque non parlerò del Duomo, del Castello Sforzesco, di santa Maria delle Grazie, di sant'Ambrogio, teatro alla Scala, quartiere Brera, stazione centrale...
Il criterio con cui le notizie verranno prese in esame sarà quello temporale: dalla curiosità legata alla fondazione della città fino ad oggigiorno.

Il nostro viaggio parte da via Mercanti...

dove troviamo Palazzo della Ragione, edificio finalmente restaurato.

Palazzo della Ragione, foto di Francesco Mezzotera
Qui possiamo ammirare uno dei primi simboli di Milano, o meglio, di Mediolanum.
Riguardo le origini della città meneghina abbiamo ad oggi molte versioni, sia leggendarie che storiche.
L'origine leggendaria più accreditata è senz'altro quella narrata da Tito Livio, secondo il quale un principe celtico di nome Belloveso, nel 660 a.C. era alla ricerca di un proprio territorio sul quale governare, dove avrebbe potuto finalmente fondare una città grande e potente, tanto da potergli garantire fama nel corso dei secoli. Armato di questi desideri, insieme ad un gruppo della sua popolazione (gli Insubri) varcò le Alpi (proveniva molto probabilmente dall'attuale Francia) arrivando nella Pianura Padana. Qui consultò l'oracolo, il quale gli disse che dove avrebbe trovato una scrofa ricoperta per metà di lana, allora lì avrebbe potuto fondare la sua città. Belloveso disperava di poter trovare un animale simile, ma incredibilmente, mentre riposava sotto un albero, scorse questo maiale e lì fondò Mediolanum (metà lana). Il nome latino Mediolanum in realtà proviene molto probabilmente da quello celtico Medhelan, ossia tempio.
L'immagine della scrofa semilanuta possiamo ammirarla sulla seconda arcata del Palazzo della Ragione (lato che si affaccia su via Mercanti).

scrofa semilanuta, foto di Francesco Mezzotera


A questo punto, dato che siamo in via Mercanti, facciamo un salto temporale di ben 18 secoli! Nel XIII sec d.C. infatti al posto della vera di pozzo che troviamo nell'adiacente piazza Mercanti, avremmo trovato una grande pietra che veniva chiamata "la pietra dei falliti". 


Pozzo in p.za mercanti, 
foto di Francesco Mezzotera
Su questa pietra infatti dovevano sedersi, con i pantaloni calati, coloro che venivano dichiarati falliti. La sentenza veniva letta dalla "Parlera", ossia dal balcone della Loggia degli Osii (edificio di fronte al Palazzo della Ragione), dal giudice che contemporaneamente metteva all'asta i beni del fallito il quale era vittima degli scherzi dei passanti; finito l'incanto il condannato veniva condotto nella prigione della Malastalla (che si trovava nell'attuale via Orefici), nella quale venivano rinchiusi non solo i debitori insolventi, ma anche i figli disubbidienti!
I detenuti potevano però sperare di essere liberati in occasione del Natale o della Pasqua, quando cioè veniva elargita la grazia o quando qualche facoltoso milanese decideva di appianare i debiti di qualche insolvente.

La Parlera, foto di Francesco Mezzotera


Su via Mercanti infine, di fronte al Palazzo della Ragione, troviamo il Palazzo dei Giureconsulti con al centro della sua facciata una statua enorme che rappresenta s.Ambrogio benedicente. Nel XVIII sec. (altro salto temporale!) l'oste dell'osteria ancora presente in piazza Mercanti fu arrestato perchè aumentò il prezzo della polenta da due a tre soldi. Al momento dell'arresto si giustificò dicendo che non era colpa sua, ma di s.Ambrogio che glielo aveva suggerito con le tre dita alzate!

Statua sant'Ambrogio, palazzo dei Giureconsulti,
 foto di Francesco Mezzotera



Quattro secoli dopo la fondazione della città, Milano venne conquistata dai romani (222 a.C.), per poi diventare per più di cento anni, nel IV sec. d.C., capitale dell'Impero d'Occidente. In quanto capitale, Mediolanum ostentava edifici davvero monumentali: palazzo Imperiale, le terme, l'anfiteatro, il foro...


Ecco quello che rimane:

Resti del palazzo Imperiale, foto di Francesco Mezzotera

Resti dell'anfiteatro, foto di Francesco Mezzotera
Anticamente la città poteva vantare di un anfiteatro grande quanto quello di Verona. Se di tale grandiosità rimane solo qualche pietra (attualmente in via De Amicis) gran parte della colpa è imputabile a...

FEDERICO BARBAROSSA foto tratta da www.lacooltura.com 
Il Barbarossa era infatti un imperatore che, nel XII sec., calò a Milano da Colonia (in Germania) per raderla al suolo.

Ad ogni modo il reperto archeologico meglio conservato rimane un po' nascosto e si trova in largo Carrobbio: questa era infatti una torre che affiancava l'antica porta ticinese romana, mentre ad oggi ospita un elegante ristorante.

Torre romana in largo carrobbio.
 Foto di Francesco Mezzotera

Foto del ristorante nella torre romana,
tratta dl sito www.panevinomilano.com


Eppure il resto più curioso giunto fino ai nostri giorni si trova nelle fondamenta di questa antica chiesa: s.ta Maria la Rossa alla Fonte, lungo il naviglio pavese. Era questa anticamente una villa sub urbana romana, poi trasformata in una chiesa cristiana nell'VIII sec. d.C., anche se oggi si presenta con un aspetto romanico.

Chiesa di santa Maria la Rossa alla Fonte
Alla base della chiesa infatti troviamo, murata insieme ad altro materiale edile, una mezza testa dell'imperatore Tiberio. Doveva questa far parte di una statua che avremmo trovato davanti alla villa romana; nel momento in cui si abbatté la domus per costruire la struttura religiosa, si "pensò bene" di riutilizzare la statua...o almeno parte di essa.

foto tratta da blog.urbanfile.org



Caduto l'Impero Romano d'Occidente nel 476 d.C., Milano, così come il resto d'Europa, trascorse svariati secoli di grossa crisi economica, sociale e demografica. Di questo periodo rimangono in città poche tracce e sicuramente non particolarmente curiose.

Attorno all'anno mille si ha invece una ripresa economica e demografica che spinge i centri urbani ad accrescere il proprio potere. Eppure, sempre in questo periodo, assistiamo alla nascita di una forte tensione tra nobili e plebei, che culminerà in scontri armati e la conseguente scacciata dei patrizi dalla città. Quest'ultimi però presero d'assedio Milano la quale si arrese e permise ai nobili di rientrare in città. 
In seguito a questi episodi, le due parti decisero di governare unitamente e, per fare questo, collocarono un pulpito COMUNE nei pressi dell'antico teatro che si trovava esattamente nell'attuale piazza Affari (i cui resti possiamo ancora ammirare nelle fondamenta di Palazzo Mezzanotte). Pulpito che doveva permettere alternativamente ai nobili e ai plebei di prendere la parola per discutere degli affari della città. Dal fatto che questo luogo era condiviso dalle due classi sociali, nacque la parola Comune che delineava, allora come oggi, la forma giuridica delle comunità umane (es. Comune di Milano, di Bologna, di Napoli ecc.).

Piazza Affari. Foto tratta da www.trend-online.com



Eppure questa forma democratica di governo della città durò relativamente poco: nel 1277 infatti i Visconti diventarono ufficialmente i Signori di Milano e lo furono fino al 1450.
Tra di essi si distinse Bernabò Visconti che regnò nella seconda metà del XIV sec. Passò alla storia non per essersi adoperato positivamente per Milano, ma per la sua crudeltà. Crudeltà che non risparmiò neanche a sua figlia Bernarda.
Quest'ultima era una figlia illegittima del Signore della città padana, eppure venne sempre trattata dal padre come gli altri figli legittimi, tanto da trovarle un nobile marito. Eppure Bernarda commise un errore: quello di innamorarsi di un cortigiano, tale Antoniolo Zotta. Quando i due amanti vennero scoperti, fecero una brutta fine: Antoniolo fu impiccato, mentre Bernarda venne chiusa nelle segrete della porta Nuova in attesa di giudizio. Niente servirono le suppliche dei famigliari della ragazza: il padre decise per lei la pena più crudele, ovvero la morte per inedia. In quella cella d'isolamento  buia per l'assenza anche di una semplice finestrella infatti Bernarda, nutrita a pane ed acqua, morì dopo nove mesi. Eppure già il giorno dopo la sua morte qualcuno iniziò ad asserire di averla vista in giro per le varie corti italiane e anche oggi qualcuno conferma di aver visto il suo fantasma girare per le vie del centro pronunciando la solita litania: " Non fate del male ad Antoniolo..."

Bernabò Visconti. Foto tratta da Wikipedia

Porta Nuova (via Manzoni).
Accanto alla porta medioevale si ergevano due torri ormai scomparse;
alla base di esse c'erano le celle di isolamento.
Foto tratta da Wikipedia



I Visconti regnarono per quasi due secoli, mentre i loro successori, gli Sforza, governarono la città per soli 50 anni. Eppure questi cinque decenni furono i più splendidi per la città meneghina: Milano era infatti, insieme a Firenze, capitale europea del Rinascimento. In questo periodo in città lavorarono geni artistici quali il Filarete, Bramante, Bergognone, ma soprattutto... 

Foto tratta da Wikipedia
Leonardo da Vinci.



Eppure in questo post, come precedentemente scritto, non tratterò delle testimonianze rinascimentali più note, ma bensì quelle meno conosciute...
Come ad es. la Bicocca degli Arcimboldi

Foto di Yorick 39

Era la Bicocca una tipica costruzione medioevale ad uso soprattutto difensivo, tipo piccolo castello. Quella che si trova a nord di Milano apparteneva alla nobile famiglia degli Arcimboldi e aveva funzione di svago, soprattutto estivo, per i loro proprietari, dato che si trovava in campagna. 
Esisteva un tunnel sotterraneo in grado di collegare questa struttura con la vicina Villa Torretta (attualmente nel territorio comunale di Sesto san Giovanni) che permetteva agli Arcimboldi di scappare in caso di pericolo. Fino a qualche anno fa il tunnel era in stato di abbandono e veniva utilizzato soprattutto dai ragazzini del quartiere Bicocca per i loro giochi. Ad oggi è stato chiuso per ragioni di sicurezza.

Giuseppe Arcimboldo,
 L'imperatore Rodolfo II in veste di Vertumno (Particolare), 1590 circa. 
Foto tratta da  http://www.arte.it
...In queste stanze avremmo potuto anche incrociare nel XVI sec. Giuseppe Arcimboldo.

L'ambiente più interessante della Bicocca è sicuramente la SALA DELLE DAME, stanza deputata allo svago della Signora e delle nobil donne che frequentavano la dimora estiva. Qui è possibile ammirare un ciclo di affreschi (di autore sconosciuto) ben conservato che descrive le attività quotidiane delle dame del tempo.

"Sala delle Dame"
foto tratta da www.lombardiabeniculturali.it

Possiamo notare le damigelle che addolciscono il risveglio della Signora (la quale riposa dietro un paravento) suonando e cantando
foto tratta da www.lombardiabeniculturali.it
...dopo il risveglio spazzolano con cura la lunga treccia bionda
foto tratta da www.lombardiabeniculturali.it
...il pomeriggio passa impegnato in lavori di taglio e cucito, ascoltando le lepidezze della nana di corte
foto tratta da www.lombardiabeniculturali.it

...trascorrono la mattinata giocando al nobile gioco della dama.
foto tratta da www.lombardiabeniculturali.it
L'ultima parete ci da' la buonanotte con le ragazze che, attente e devote alle indicazioni della padrona, preparano il letto per un'altra notte in campagna.

Foto di Wilma Viganò


La storia milanese del XV, XVI, XVII sec. è stata caratterizzata da frequenti epidemie di pesti.
Il seguente episodio è proprio ambientato durante una di queste pestilenze: la notte del 30 dicembre 1485.
La cornice è decisamente affascinante: la chiesa manierista di s. Maria dei miracoli presso san Celso, chiesa purtroppo poco conosciuta e che invece necessita di esserlo, soprattutto per la sua storia.
Dove oggi troviamo il santuario, nel IV sec. d.C. avremmo trovato boschi e zone coltivate, spesso utilizzate segretamente per seppellire i martiri cristiani. Fu proprio qui, dove oggi vediamo la piccola chiesa neo-romanica di san Celso, che sant'Ambrogio trovò le reliquie di san Nazaro e Celso. I resti del primo martire vennero traslate nell'odierna chiesa di san Nazaro in corso di Porta Romana, mentre le reliquie del secondo santo furono conservate nell'attuale chiesetta edificata appunto per volere del patrono di Milano. Accanto alla chiesetta fu edificato un edificio religioso ancora più piccolo che serviva semplicemente per custodire l'immagine sacra di una Madonna con bambino (la Madonna di sant'Ambrogio).

Chiesa di santa Maria dei miracoli presso san Celso
foto tratta da www.chiesadimilano.it
Nella notte del 30 dicembre 1485 i milanesi si trovavano stipati in questa chiesetta per chiedere la grazia alla Madonna affinchè la peste cessasse. Improvvisamente, durante la preghiera, Maria scostò il velo che in quel periodo si usava mettere a copertura delle immagini sacre, sporse il Bambino che aveva in grembo verso i presenti, guardò negli occhi ad uno ad uno i fedeli, quindi tirò a se' Gesù e rimise al suo posto il velo. Da quel momento la peste iniziò gradualmente a scomparire da Milano e la gente a gridare al miracolo. I milanesi accorsero in massa a pregare la Madonna di sant'Ambrogio e dunque la piccola chiesa non era più in grado di ospitarli tutti. Fu così che, con i lasciti dei fedeli, fu costruita santa Maria dei Miracoli (a ricordo dell'episodio) nello stile imperante in quel periodo, cioè quello Manierista.
Eppure la chiesa è famosa (e, a mio avviso, dovrebbe esserlo ancora di più) per un'antica tradizione.
Qui infatti c'era (e ancora oggi sopravvive, anche se poco conosciuta) la consuetudine di portare il bouquet di fiori alla Madonna da parte delle spose. Questa tradizione molto antica risale ai tempi dei romani quando le spose, oltre ai fiori, offrivano un obolo in denaro al Dio Imene. Dio pagano sostituito con l'immagine sacra della Madonna di sant'Ambrogio. Ad oggi infatti è possibile trovare qualche mazzo di fiori ai piedi della statua mariana situata sopra l'antico affresco.

La Madonna di sant'Ambrogio
Foto tratta da www.dominocittà.wordpress.com



Palazzo Acerbi, foto di Francesco Mezzotera
Il marchese Acerbi, proprietario dell'omonimo palazzo, fu protagonista di una leggenda che si venne a creare durante la peste milanese più famosa: quella del 1630.
Il nobil uomo proveniva, con molta probabilità, da Ferrara e giunse a Milano in un periodo di forte crisi economica (i primi decenni del XVII sec.). Eppure, nonostante anche i cittadini ricchi tendessero a fare un uso parsimonioso dei soldi, lui invece prese a fare spese folli, sopratutto per abbellire la propria residenza. I milanesi, forse mossi da invidia, presero a dire che il marchese era il Diavolo: solo lui infatti poteva permettersi tanto lusso in un periodo così misero!
Il marchese saputa la notizia, iniziò ad avere un atteggiamento utile ad avvalorare questa diceria: ad es. andava in giro in carrozza con quattro paggi dall'aspetto lugubre, magri, pallidi e sempre di nero vestiti.
Con lo scoppio della pestilenza chi poté scappò dalla città e chi rimase evitò il più possibile la vita sociale...Tutti tranne il marchese Acerbi: lui infatti continuò a tenere feste e la cosa incredibile era che nessuno tra gli invitati, la servitù ed il nobil uomo stesso si ammalò. Fu questa situazione a convincere sempre di più i milanesi che il marchese altro non fosse che il Demonio in persona! Ecco perchè ad oggi, in corso di porta romana 3, è possibile trovare il palazzo del Diavolo.
Eppure, da studi approfonditi, pare che il marchese fosse già morto allo scoppio della peste...



La curiosità più intrigante della città è sicuramente la chiesa di san Bernardino alle ossa, edificio religioso del XVII sec. in p.za santo Stefano.
Vi è infatti, collegata alla chiesa barocca, una cappella interamente ricoperta di ossa.

Foto tratta da www.amilanopuoi.it 

Foto tratta da www.fortementein.com
Nel XII sec. c'era, a lato della chiesa di santo Stefano, un ospedale per lebbrosi con annesso cimitero. Con il tempo venne creato un piccolo edificio, prospiciente all'ospedale, con la funzione di conservare le ossa delle esumazioni del cimitero.
Un secolo circa dopo fu creata una chiesa accanto all'ossario che venne intitolata a san Bernardino (santo appartenente alla confraternita dei Disciplini che qui risiedevano).
Nel XVII sec. crollò il campanile di santo Stefano sull'ossario e, nel momento in cui si rifece questo ambiente, si decise di utilizzare le ossa per decorare la cappella (che nel frattempo venne consacrata).

Vi è tutt'ora, davanti all'altare maggiore della chiesa di san Bernardino, una botola che conduce alla cripta della chiesa stessa. Questo spazio conserva i corpi mummificati dei primi 21 Disciplini che giunsero in questo tempio. Sono stati adagiati su sedili di pietra con foro centrale per la raccolta dei liquami corporei. Ogni Disciplino è vestito con il proprio saio, il cappuccio calato sulla testa e una tavoletta di legno con inciso il proprio nome appesa al collo. 

Foto di Stefania Piccoli



Con la caduta degli Sforza (1499) a Milano regnarono solo sovrani stranieri fino all'avvento dei Savoia (1859). Durante questo lungo periodo la Lombardia venne vista solo come una colonia da sfruttare; l'unica sovrana che può essere definita illuminata e altruista fu Maria Teresa d'Austria che regnò dal 1745 al 1765. La regina infatti operò molte riforme che servirono a migliorare le condizioni di vita dei lombardi, soprattutto dal punto di vista economico.

Maria Teresa d'Austria, foto tratta da www.pinacotecabrera.org

Ad es. fu grazie a Maria Teresa che a Milano vennero introdotti i numeri civici sui palazzi. Prima di allora infatti per dare indicazioni stradali bisognava far riferimento a ciò che si poteva trovare lungo il tragitto.
Eppure il criterio di numerazione degli edifici nel XVIII sec. era decisamente diverso da quello attuale: infatti i numeri partivano da Palazzo Reale (n° 1) e crescevano a spirale fino all'ultimo palazzo della città che poteva avere una numerazione decisamente alta (ad es. il palazzo nella foto porta il numero 5307).

Foto tratta da http://blog.giofugatype.com



Milano fu per 20 anni governata da Napoleone e durante questo periodo (1796-1814) fu addirittura capitale del Regno d'Italia napoleonico.
Proprio nei pressi della città meneghina il ferreo condottiero francese ebbe modo di dimostrare il suo lato più tenero e romantico. Si racconta infatti che lo storico platano di via Astesani (nell'attuale quartiere Affori) sia stato piantato per volere di Napoleone, il quale aveva perso la testa per una donna del posto.

Foto tratta da www.demetra.net



Con la caduta del Bonaparte iniziò per la penisola italica il Risorgimento.
Nei pressi di una antica statua romana, attualmente in corso Vittorio Emanuele II, maturarono le premesse dei famosi moti delle cinque giornate.

Foto di emiliano marin
La statua in questione infatti era simile al Pasquino di Roma, cioè una statua parlante, una scultura sulla quale venivano affissi dei cartelli con lo scopo di sbeffeggiare di nascosto i potenti della città. Abitudine che era soprattutto in voga durante il Risorgimento, tanto che le autorità cittadine spostarono la statua al primo piano dell'abitazione dove si trovava allora (ai piedi di un palazzo in via san Pietro all'Orto), ma questo non impedì ai milanesi di appendere un cartello che invitava allo sciopero dei sigari, che diede poi il via alle cinque giornate nel 1848.
Il suo nome deriva dalla prima parola dell'iscrizione di Cicerone ai piedi della statua "Carere debet omni vitio qui in alterum dicere paratus est" (Deve essere privo di ogni colpa chi è pronto a parlare contro un altro), ma viene anche comunemente chiamato Omm de Preja, cioè uomo di pietra.

Con l'unità d'Italia (1861) iniziò per la neonata nazione, ed in particolar modo per il ricco ed industrializzato settentrione, un periodo florido soprattutto a livello economico. In Lombardia ci fu un vero e proprio "boom industriale", tanto da spingere gli imprenditori meneghini ad aprire una centrale termoelettrica a due passi dal Duomo.

Foto tratta da www.lass.it
Si trovava infatti in via santa Redegonda, rimase fino al 1926, anno in cui fu abbattuta per costruire l'attuale cinema Odeon.
Questa centrale aveva il primato di essere la seconda impiantata al mondo (dopo quella di New York) e illuminava, tra gli altri, anche il teatro alla Scala.



Durante il ventennio fascista si decise di cambiare aspetto alla città, per renderla più moderna. Un edificio emblematico dello stile razionalista è sicuramente il primo palazzo Montecatini, in via Turati (angolo via Moscova). I critici d'arte dell'epoca definirono il palazzo di Gio Ponti palazzo specchiante "come un cielo nuvoloso, una concrezione di pioggia, che riflette il cielo bigio di Milano e la vita frenetica delle strade”, anche se i milanesi – più concreti – vedendo la facciata bianca con venature verdognole la ribattezzarono subito «palazz de gorgonzouela».

Primo e secondo Palazzo Montecatini
Foto di Stefano Ruzzante

Durante la seconda guerra mondiale Milano venne pesantemente bombardata dagli aerei Alleati; molti di essi però furono abbattuti dall'esercito italiano.
Ad oggi esiste un piccolo cimitero inglese all'interno del Parco di Trenno che custodisce le salme dei piloti britannici. Unica eccezione tra le 400 tombe dei soldati è quella di una donna: miss Fielden, professione infermiera.

Foto tratta da www.eaf51.org



Fu la Resistenza un periodo molto critico per l'Italia e Milano assistette con dolore a diversi episodi legati a questa fase storica. Nei pressi di p.le Lotto infatti c'era la cosiddetta "Villa Triste", luogo di tortura da parte dei fascisti di tutti gli oppositori del Regime.
Le urla dei prigionieri detenuti nei sotterranei della Villa (quella che si vede nella seguente foto, accorpata alla chiesetta del XV sec.), erano talmente forti da essere sentite in tutto il quartiere. Fu proprio questa situazione a spingere gli abitanti a protestare con l'arcivescovo Shuster, il quale riuscì a far sgomberare l'edificio. Tuttavia, al termine del conflitto, i legittimi proprietari si rifiutarono di riprenderne possesso, data la sua sinistra fama. Venne quindi donata alla Congregazione delle Missionarie dell'Immacolata (attuali inquiline dell'edificio).


Curioso è rendersi conto che l'intero quartiere (nonchè lo stadio, famoso in tutto il mondo) prende il nome da questa piccola chiesa. Quella che vediamo oggi mutilata e adiacente all'ex "Villa Triste" è un rifacimento del XV sec. di una chiesa ancora più antica (IX sec.), sede di un antico convento benedettino dedicato al primo vescovo di Pavia. Il nome Vepra invece compare perchè il complesso religioso si trovava nei pressi dell'omonimo fiume (nome dato al tratto cittadino dell'Olona che scorre tutt'oggi sotto il manto stradale di questa zona di Milano).


A questo punto, dato che siamo in zona piazzale Lotto, facciamo un salto temporale di qualche lustro.
In via Monterosa possiamo oggi vedere ciò che rimane del mitico cabaret "Derby" (ad oggi centro sociale).

Centro sociale "il Cantiere" (ex cabaret "Derby")
Foto di Francesco Mezzotera

                        

In questa palazzina infatti, negli anni '60, c'era solo un ristorante che "navigava in brutte acque". Il figlio del proprietario dunque decise di ospitare dei musicisti jazz e da allora il Derby divenne il principale punto di riferimento dei più famosi compositori di questo genere musicale. Ma i musicisti non furono altro che la premessa di ciò che poi rese famoso questo posto: qui infatti presero ad esibirsi cabarettisti famosi o che da lì a breve lo sarebbero diventati.
Al Derby infatti nacquero artisticamente comici del calibro di:

Giorgio Faletti...

Foto tratta da www.elle.com 

Enzo Jacchetti...
Foto tratta da www.giornalettismo.com

Teo Teoccoli...
Foto tratta da  www.video.gazzetta.it

Gianfranco Funari...

Diego Abatantuono (nonchè nipote del proprietario)...
Foto tratta da www.francescomatteuzzi.blogspot.com
E inoltre: Enrico Beruschi, Cochi e Renato, Massimo Boldi, i Gatti di Vicolo Miracoli, Lino Toffolo...

Nel 1985 il Derby chiude. La principale concausa di questa situazione è la concorrenza televisiva e, nello specifico, quella di "Drive in" (trasmissione che ospita gran parte dei comici del Derby)...! Eppure idealmente questo cabaret "passò il testimone", un anno dopo la sua chiusura, ad un altro tutt'ora operativo: "Zelig".



Ora riprendiamo il nostro viaggio temporale...

Nel 1945, quando la seconda guerra mondiale finì, Milano si presentava in una situazione decisamente tragica: circa un edificio su quattro era stato abbattuto e migliaia erano i milanesi sfollati. Due anni più tardi si decise di radunare tutti i detriti dei bombardamenti (insieme a ciò che rimaneva degli antichi bastioni spagnoli) in una zona ad ovest della città, dove venne creato un nuovo quartiere denominato QT8 (Quartiere Triennale 8).
Con i detriti dunque si venne a creare una montagnetta alta circa 50 metri e dedicata alla moglie dell'architetto dell'opera (sig.a Stella).
Ad oggi la montagnetta è un luogo di ricordo per Milano... Ma non tutti forse ricorderanno che negli anni '80 qui si disputavano le gare di sci, su neve artificiale e qui iniziò ad emergere un campione del calibro di Alberto Tomba.


La montagnetta in costruzione.
 Foto tratta da sempliciconversazioni.blogspot.com

Foto di Nino Rossi



Non è quindi un caso che proprio qui, nel 2003, venne creato "Il giardino dei Giusti": uno spazio dedicato alle persone che si sono date da fare per combattere ingiustizie razziali e salvare vite.


Il giardino dei Giusti: ad ogni personaggio corrisponde un cippo e un pruno.
Foto tratta da www.metronews.it 



Milano è sempre stata una "città che vive al presente". Già con Maria Teresa d'Austria iniziarono le demolizioni: si cercava di cancellare le preziose tracce del passato per lasciare spazio al presente. Questo fenomeno si accentuò sicuramente con il "boom economico" degli anni '50 e oggi sono poche e preziose le traccie del passato.
Una di questa è possibile trovarla in zona "Chinatown": via Giannone 9. Qui infatti sorgeva l'antica chiesa del XII sec. della "santa Trinità". Nel 1968 si decise di abbattere questo edificio pericolante. I lavori si protrassero per qualche giorno; fortunatamente la mattina in cui doveva essere abbattuto il campanile, l'operaio addetto era malato e questo permise di avvisare il Sovrintendente dei beni architettonici che arrivò in fretta e furia, giusto in tempo per salvare la torre campanaria.
Ad oggi è possibile ammirarla dalla strada: opera davvero originale con la sua squallida quinta di condomini moderni...


Foto tratta da www.curiosami.altervista.org


La storia di questo quartiere popolato principalmente da cinesi e comunemente chiamato "Chinatown" è davvero originale.
I primi cinesi giunti a Milano furono 40 uomini provenienti dalla Francia. Si erano trasferiti nel paese dei Lumi durante la prima guerra mondiale ed erano subito stati impiegati per lo scavo delle trincee. Finita la guerra, visto l'esubero di manodopera, alcuni coraggiosi decisero di trasferirsi e lo fecero proprio nel capoluogo lombardo.
In quei tempi la zona a nord dell'Arena era chiamata il quartiere dei "scigolatt" (da "scigola", cipolla) perchè zona ricca d'acqua, fertile e dunque caratterizzata da molti orti. Ma i pionieri cinesi scelsero questa parte della città non per dedicarsi all'agricoltura, ma per giungere velocemente a Como, città di filande. Qui infatti acquistavano cravatte che poi rivendevano in città. Ancora oggi qualcuno ricorda negli anni trenta questi commercianti cinesi in piazza Duomo urlare "tle clavatte due lile!". Con il tempo le cravatte non le acquistarono più, ma iniziarono a produrle; i cinesi infatti ancora oggi lavorano principalmente nel campo dell'abbigliamento e della ristorazione.





Ed eccoci giunti ai giorni nostri. Esistono in città molte opere moderne degne di nota, ma quella più rappresentativa e curiosa (per la tecnica utilizzata) è, a mio avviso, il murales che si trova in p.za Cardinal Ferrari (zona via Molino delle Armi).
Qui infatti gli autori Walter Contipelli e Alessandra Montanari nel 2014 hanno ritratto personaggi molto importanti della storia milanese.
Possiamo infatti ammirare...

Franca Rame...

Foto tratta da www.milano.repubblica.it

Alda Merini...
Foto tratta da www.milanosguardinediti.com

Giorgio Gaber...
Foto tratta da www.milanow.blogspot.com

Enzo Jannacci...
Foto tratta da www.milanostupenda.wordpress.com

Nonchè Luchino Visconti, Claudio Abbado, Carlo Emilio Gadda, Mariangela Melato, Gian Maria Volontè...
Ogni graffito è stato realizzato affiancando e sovrapponendo macchie di colore che, viste da vicino non sembrano rappresentare alcun personaggio, mentre invece nell'allontanarsi prendono magicamente forma.

Ma il dato ancora più originale è la superficie sulla quale è stata realizzata quest'opera: il muro esterno di uno degli ultimi conventi di clausura di Milano. Dietro questa parete infatti, fino al mese di novembre del 2017, vivevano, lavoravano e pregavano quattro suore dell'ordine salesiano della Visitazione. Con la crisi vocazionale il numero delle sorelle negli anni è diventato talmente esiguo da dover essere trasferite in un'altra struttura in provincia di Cremona.

Una volta Milano poteva essere paragonata alla capitale italiana in quanto a numero di edifici religiosi; oggi la situazione è decisamente diversa. Per capire e prevedere l'evoluzione della città meneghina forse bisogna rivolgere lo sguardo a p.ta Nuova con i suoi grattacieli...
...Forse...

Dunque non ci rimane altro che prendere posto sulla macchina del tempo che, giorno per giorno, ci rivelerà l'evolversi di questa insolita e davvero curiosa città chiamata Milano!